LUPI SIDERALI

Per il tempo del Lupo!

Leman Russ
Il Primarca Leman Russ, come gli altri venti Primarchi, scomparve misteriosamente dai Laboratori Imperiali nell' infanzia. Dei diciotto registrati nei Registri Imperiali, fu il sesto ad essere ritrovato dall' Imperatore. Fu ritrovato sul lontano pianeta Fenris, un inospitale mondo formato da isole coperte di neve, popolato da tribù di uomini primitivi e bellicosi. Leman era stato cresciuto da un branco di Lupi di Fenris che predavano le lande innevate. Tra di loro, in pochissimi anni era cresciuto e diventato adulto.

Venne casualmente trovato da un uomo di nome Thengir, Re dei Russ. Thengir aveva organizzato una squadra di cacciatori per liberare le sue terre dai branchi di lupi. La maggior parte dei lupi venne macellata, ed il giovane uomo venne catturato e portato a Thengir. Thengir lo prese sotto le sue cure, dandogli il nome ‘Leman dei Russ’. Leman imparò rapidamente gli usi degli uomini, e molte leggende fiorirono su di lui, ad esempio su come aveva battuto cento uomini in solo tre minuti, o mangiato un intero uro. Alla morte del suo padre adottivo, la guida dei Russ passò a Leman. Leman divenne un capo rispettato ed ottenne molte vittorie, spesso combattendo accanto a branchi di lupi guidati da Freki e Geri, due dei suoi fratelli-lupi scampati ai cacciatori di Thengir.

In poco tempo, l'eco delle sue gesta oltrepassò Fenris, e giunse alle orecchie dell' Imperatore. Egli si mise in viaggio per Fenris, ritenendo che quelle imprese potessero essere state compiute solo da un Primarca. Viaggiando in incognito, giunse alla corte di Leman Russ durante una festa, e sfidò il Primarca a tre prove a scelta di Leman.

Leman Russ, non riconoscendo l'Imperatore a causa delle Rune di Dissimulazione, vantandosi di essere ben più grande di qualsiasi altro uomo,vinse le prime due prove (una gara a chi mangia ed una a chi beve di più) divorando tre interi uri, e prosciugando poi le cantine reali. Irritato, l'Imperatore insultò Leman Russ, definendolo nulla di più di un rozzo ubriacone. Offeso, Leman sfidò l'Imperatore a combattere.

Dopo un feroce duello che servì a convincere l'Imperatore che Leman Russ era senza dubbio uno dei suoi bambini scomparsi, L'Imperatore si tolse il suo travestimento e si mostrò in tutta la sua Gloria. Abbagliati dall'immensa luce emanata dall'Imperatore, tutti dovettero distogliere lo sguardo eccetto Leman. Il duello continuò e neppure con tutta la sua resistenza Leman poté superare la forza dell'Imperatore e dopo molte lunghe ore di combattimento l'Imperatore riuscì a trovare un varco nella guardia di Leman e con un colpo del suo maglio potenziato colpì Leman in pieno viso, mettendolo fuori combattimento con un colpo che avrebbe ucciso un uomo normale. Dopo che ebbe ripreso coscienza, Russ non poteva credere di aver perso e diede la colpa all'alcol, ma ammise la sconfitta e giurò fedeltà all'Imperatore.


La Grande Crociata
Leman Russ venne messo al comando della VI Legione degli Space Marine, il cui nome venne cambiato in Lupi Siderali. Il Primarca e la sua Legione combatterono eroicamente durante la Grande Crociata, guadagnandosi la reputazione di abili e feroci, anche se un po' indisciplinati, guerrieri.
Durante una battaglia, Leman Russ permise all'ira di prendere il sopravvento, e venne alle mani con il Primarca degli Angeli Oscuri. La lite ebbe inizio quando un Governatore Planetario ingiuriò personalmente Leman Russ chiamandolo codardo. Infuriato, Leman Russ ordinò l' assalto. Lion El'Johnson voleva invece bombardare la fortezza per ottenere una rapida vittoria. Sfortunatamente per Leman Russ, gli Angeli Oscuri raggiunsero il governatore per primi e Lion El'Johnson decapitò il traditore. Rivendicando per sé questo diritto, Leman Russ si ritenne così oltraggiato che colpì Lion alla mascella. Questo fu l'inizio di un combattimento che andò avanti per ore. All'improvviso Leman scoppiò a ridere perché si rese conto che il loro litigio era ridicolo e futile come quelli dei bambini. El'Johnson, credendo che Leman lo stesse prendendo in giro, lo colpì ancora una volta con il suo maglio potenziato lasciandolo privo di sensi. gli ultimi avvenimenti posero finalmente fine a questa lite, dando a Lion una soddisfazione sufficiente per un campione impegnato in un duello non mortale.

Eresia di Horus
All'inizio dell' Eresia di Horus, i Lupi Siderali ancora una volta si trovarono in conflitto con i loro Fratelli Space Marines. Il Primarca della Stirpe dei Mille Space Marines, Magnus il Rosso, ignorò l'ordine Imperiale di non aver nulla a che fare con la Stregoneria. Percependo che Horus era stato corrotto dal Caos, Magnus dapprima cercò di recuperarlo. Quando fallì, cercò di avvertire l'Imperatore usando la Stregoneria per inviargli un messaggio nel cuore del palazzo Imperiale sulla Terra. L'Imperatore non volle credere che Horus fosse recuperabile, e si infuriò con Magnus che non aveva ascoltato il suo monito. Leman Russ ricevette l'ordine di condurre Magnus dall'Imperatore per rispondere delle proprie azioni, ma Horus fece in modo che i Lupi Siderali ricevessero l'ordine di distruggere la Stirpe dei Mille. L'attacco a sorpresa su Prospero, il mondo natale della Stirpe dei Mille, fu furioso, ciò nonostante, molti dei Figli, compreso lo stesso Magnus, riuscirono a fuggire nella selvaggia regione dello spazio conosciuta come Occhio del Terrore. Una sanguinosa faida ebbe così origine tra i Lupi Siderali ed i superstiti della Stirpe dei Mille, ora devoti al dio del Caos Tzeentch.

Durante l'Eresia di Horus,i Lupi Siderali erano lontani dalla Terra, come del resto gli Angeli Oscuri, e non furono in grado di aiutare i loro Fratelli lealisti nella battaglia a difesa del Mondo Capitale, la Sacra Terra. Sapere che le due Legioni stavano accorrendo, e che avrebbero fatto pendere la bilancia in favore dei Lealisti, spinse Horus a provocare l'Imperatore a singolar tenzone, una azzardo per decidere le sorti della guerra prima che l'Imperium potesse ricevere rinforzi. Le due Legioni arrivarono subito dopo la fine della battaglia, con Horus sconfitto e l'Imperatore ferito a morte.

Dopo l'Eresia
Leman Russ era sconvolto per la sua incapacità di salvare l'Imperatore, e dedicò tutto se stesso alle campagne per consolidare l' Imperium dopo la perdita del loro Condottiero e Dio. In questo periodo, venne stilato il Codex Astartes, frantumando la potenza delle Legioni nell'evento conosciuto come la Seconda Fondazione. I Lupi Siderali rifiutarono a lungo di conformarsi ai dettami del Codex, assieme a Rogal Dorn dei Magli dell' Imperatore e Vulcan delle Salamandre. una guerra tra le Legioni del Vecchio e del Nuovo ordine stava per avere inizio quando un vascello dei Magli dell'Imperatore venne attaccato dalla Marina Imperiale. Finalmente Russ cedette ad alcune delle richieste dei suoi compagni Primarchi; accettando di formare un Capitolo successore Fratelli del Lupo.

Centodiciassette anni dopo che il morente Imperatore venne rinchiuso nella complicata macchina che doveva tenerlo in vita, il Trono d'Oro, Leman Russ scomparve. Venne visto per l'ultima volta dalla sua Legione durante la Festa dell'Ascesa dell'Imperatore, quando si disse che Russ saltò sul tavolo di quercia sul quale aveva duellato con l'Imperatore ai tempi del loro primo incontro per tenere un discorso, ma si bloccò. Dopo un lungo silenzio, in cui sembrava uno che stesse avendo una visione, Leman Russ cadde sulle ginocchia, quindi si volse ed impartì alcune istruzioni ai suoi più fedeli seguaci. Egli annunciò semplicemente ai sui leali Fratelli che doveva andarsene, ma che sarebbe tornato "per il Tempo del Lupo".

Si dice che siano entrati nell'Occhio del Terrore per continuare la caccia agli Space Marines traditori che si erano ribellati all'Imperium durante l'Eresia di Horus, alla ricerca dell'Albero della Vita, i cui semi potrebbero guarire l'Imperatore.

Per sette anni, il suo posto venne sempre apparecchiato al tavolo dei banchetti, e la sua Legione ardentemente attese il suo ritorno, che non avvenne mai. dopo sette anni, i Signori del Lupo dei Lupi Siderali elessero il membro rimasto del seguito di Russ, Bjorn the Fell-Handed, nuovo Grande Lupo. Bjorn decise che se Russ non fosse tornato, il suo Capitolo lo sarebbe andato a cercare, dando inizio alla prima di molte Grandi Cacce. Queste cacce recuperarono molte reliquie, incluso l'armatura del Primarca, ma mai riuscirono a ritrovare il loro Fondatore.

In suo onore, la Guardia Imperiale diede il suo nome al più importante mezzo corazzato. Proprio come il suo omonimo, il carro da battaglia Leman Russ difende l' Imperium dai suoi nemici con lealtà e coraggio. In seguito a questo onore, ai Lupi Siderali è stato assegnato un buon numero di questi carri in versione Exterminator.

Organizzazione
I Lupi Siderali sono conosciuti per il loro comportamento decisamente insofferente all'autorità. Resistono tenacemente alla struttura di comando centrale dell' Imperium, e rifuitano di seguire i dettami del Codex Astartes, che codifica tutte la struttura delle unità e le tattiche di combattimento che devono essere usate dagli Space Marines. Si dice che il modo migliore per far fare qualcosa ad un Lupo sia dirgli di non farla.

Le Grandi Compagnie
Anziché dividersi in Capitoli come stabilito dal Codex Astartes, la Legione dei Lupi Siderali si divise in dodici Grandi Compagnie, più una Tredicesima composta da un gran numero di Lupi Siderali scomparsi durante la Grande Crociata. Ogni Compagnia è guidata da un Signore del Lupo che risponde al Maestro Capitolare, il Grande Lupo.
Ogni Grande Compagnia è un reparto autonomo sotto quasi tutti gli aspetti; ha un proprio quartiere nella «Zanna» -la più grande delle isole di Fenris, un'immensa montagna iper fortificata e super difesa- possiede armamenti, officine ed astronavi, e segue i propri usi e costumi.

Ogni Grande Compagnia trae ispirazione dal proprio Signore del Lupo, e ne assume il nome. Quando il Signore del Lupo muore, e ne viene eletto un altro, la Grande Compagnia cambia oltre al nome anche l'araldica, scegliendosi un nuovo simbolo preso dalla mitologia di Fenris.
Il Grande Lupo

L'attuale Grande Lupo dei Lupi Siderali è Logan Grimnar, che ricopre questa carica da oltre cinquecento anni. Lo Stemma del Grande Lupo è sempre rimasto lo stesso, fin da quando era Leman Russ a portare il titolo: il Lupo che insegue le Stelle.

Con ognuna delle dodici Grandi Compagnie, agli ordini diretti del Grande Lupo ci sono i più grandi eroi del Capitolo: i Sacerdoti delle Rune (sciamani e veggenti), i Sacerdoti del ferro (ingegneri) ed i Sacerdoti del Lupo (medici e guide spirituali) e Venerabili Dreadnoughts.

L'Evoluzione di un Lupo Siderale
La maggior parte dei Lupi Siderali, dopo aver ricevuto i miglioramenti genetici necessari per diventare Space Marine, e aver completato un durissimo addestramento, sono accettati nel Capitolo come «Artigli del Lupo», guerrieri dalla testa calda che vogliono solo essere messi alla prova, e lottano per controllare la bestia scatenata al loro interno dal dna mannaro. gli Artigli del Lupo sono le truppe d'assalto dei Lupi Siderali, affrontando la maggioranza degli assalti con una gioiosa ferocia.

Se sopravvivono abbastanza da maturare, vengono promossi al rango di «Lupi Grigi», temprati dalla battaglia, sempre pronti a fare quanto è necessario per il Capitolo e per l' Imperium dell'Uomo. I Lupi Grigi servono come base tattica per formare le forze dei Lupi Siderali, e sono equipaggiati per destreggiarsi in una grande varietà di scenari bellici.

Quando i Lupi Siderali raggiungono la piena maturità, i loro capelli diventano grigi ed i loro canini si allungano, divengono «Lunghe Zanne», soldati veterani con la reputazione di essere disciplinati e dotati di sangue freddo nel cuore della battaglia. vengono equipaggiati con le armi più potenti in dotazione alla loro Grande Compagnia, sorvegliando e fornendo fuoco di copertura ai loro più giovani Confratelli.

Alcuni Lupi Siderali, avendo dato prova di valore eccezionale e marziale dedizione, diventano «Guardie del Lupo». Questi fenomenali guerrieri guidano piccole unità di Lupi Siderali, formano il seguito dei più esperti guerrieri dell'armata o guidano squadre. sono equipaggiati con i migliori armamenti, e sono considerati quasi inarrestabili in combattimento. Da qui, uno potrà ascendere alla carica di «Capobranco», i fulgidi capi che guidano una delle dodici compagnie che compongono la forza militare dei Lupi Siderali.

Per alcuni, il chiuso e forte vincolo di fratellanza del branco (squadra) non è accettabile per la loro personalità, desiderosa di grandi spazi e solitudine. Questi lupi solitari vengono scelti per fare parte degli Scout della Grande Compagnia, compiendo ricognizioni e disturbando i movimenti del nemico. Questi Space Marines sono spesso esperti veterani, a differenza delle reclute usate dagli altri Capitoli.
Inoltre, alcuni vengono inviati sulla Terra per diventare «Lame del lupo». Le lame del lupo sono una guardia d'onore che protegge l'antica Casata dei Navigatori di Belisarius, da lungo tempo alleati dei Lupi Siderali. l'origine di questo patto si perde nella leggenda, ma la pù comune e accettata versione dei fatti lo fa risalire alla Grande Crociata e all'amicizia esistente tra Leman Russ e Alexander Belisarius. Belisarius era un Navigatore geniale che aiutò Russ in molte delle sue avventure e si dice che scomparve con lui nell'ultimo fatale viaggio. nel giorno della festa della Fondazione, venne stipulato un patto di amicizia eterna. Come segno di quest'amicizia, i Belisarius accettarono di fornire Navigatori per il Capitolo ad perpetuam. In cambio chiesero per loro la protezione militare dei Lupi Siderali. A seguito di ciò un intera squadra di Lupi Siderali scorta il celestarca come guardia del corpo. Data la natura frammentata delle Casate dei Navigatori, esisteva tra loro una rivalità commerciale che all'epoca spesso sfociava in guerre vere e proprie, quindi quest' alleanza aveva un' importanza considerevole. E tutt'ora è così.

La Tredicesima Compagnia
Una leggenda dei Lupi Siderali dice che il gruppo che venne più tardi conosciuto come Tredicesima Compagnia venne inviato da Leman Russ ad inseguire La Legione della Stirpe dei Mille, dopo il tentativo fallito di eliminare la legione dedita al Caos. Svanirono completamente dai Registri Imperiali, e la loro perdita è onorata con una pietra nera nel Grand Annulus (il registro delle Grandi Compagnie dei Lupi Siderali).
« Magnus con le sue arti, scrutò nel futuro, e vide il tradimento di Horus, usò le sue arti stregonesche per inviare un messaggio al suo signore. L'Imperatore, tuttavia, non poteva credere che suo figlio Horus, che era il suo prediletto, lo potesse tradire, inviò pertanto Leman Russ, Primarca dei Lupi Siderali a distruggere la Stirpe dei Mille, sospettata di voler seminare discordia e sedizione tra l'Imperatore ed i suoi figli. Russ prese la sua Legione, e con tutte le Grandi Compagnie dei Lupi Siderali, piombò sul mondo della Stirpe dei Mille, Prospero, con la vendicativa forza di una pioggia di comete
La Stirpe dei Mille incontrò i Lupi Siderali sul campo di battaglia, in prima linea c'era la Tredicesima Compagnia che con incredibile ferocia piombò sui loro fratelli, la Stirpe dei Mille. La Legione traditrice non poteva resistere alla forza purificatrice dei Lupi Siderali, e passo dopo passo doveva cedere terreno, finché si asserragliarono nel loro Monastero Fortezza, decisi a resistere fino all'ultimo uomo.
In quel mentre Magnus, signore della Stirpe dei Mille, inginocchiato nella sua Torre piangeva i figli che gli venivano strappati. Nel suo feroce dolore egli invocò chiunque lo volesse ascoltare ed una voce rispose: il Dio del Caos Tzeentch il Manipolatore. Dal momento in cui Magnus gli diede la sua anima Tzeentch diede al traditore-mutante la padronanza completa della negromanzia, e Magnus con i suoi nuovi poteri capovolse le sorti della battaglia.
Comparendo improvvisamente tra le linee dei Lupi Siderali, Magnus era inarrestabile, persino la selvaggia fratellanza dei Lupi non era in grado di risollevarsi di fronte alla possenza eretica del Demoniaco Magnus. tutti caddero di fronte a lui finché il Grande Primarca dei Lupi Siderali, Leman Russ, si parò dinanzi al Fratello. Il duello tra i due titani fu terribile, e la sua cronaca potrebbe riempire molti volumi. Con noncuranza, dopo due giorni e due notti di combattimento Russ prese il corpo corrotto di Magnus, e levandolo alla tempesta che suassava i cieli, lo spezzò sul suo ginocchio.
Con quel colpo stupefacente, Russ spezzò la schiena del suo avversario, ed il cuore del suo nemico. Magnus cadde al suolo, e come Russ levò la sua ardente spada Mjalnar per colpire il cuore del suo nemico, Magnus sibilò una singola parola di Potere e affondò nello scuro abbraccio della terra.
Mentre Leman Russ ululava la sua furia ai branchi dei Lupi Siderali, il bibliotecario-stregone della Stirpe dei Mille evocò un vasto vortice di energia, attraverso il quale le truppe superstiti svanirono. I Wolfkin, la Tredicesima compagnia dei Lupi Siderali, ad un segno del loro Primarca, diedero inizio alla caccia e seguirono i loro nemici nell'occhio stesso del Warp. Con un lampo accecante, il turbinante vortice di energia collassò e la Tredicesima Compagnia scomparve da questo universo e dalla storia Imperiale.
Riapparirono all'inizio della Tredicesima Crociata Nera voluta da Abaddon il Distruttore che li ha riportati in questo universo. Stavano ancora perseguendo l'obbiettivo che Leman Russ gli aveva assegnato, e si disse addirittura che lo stesso Leman Russ fosse alla loro guida, ma questo non è mai stato provato. »

L'organizzazione della Tredicesima Compagnia differisce decisamente dalle consuetudini dei Lupi Siderali, a causa della mancanza di rifornimenti e di sangue fresco per la Compagnia, all'impossibilità di addestrare specialisti, all'assenza di armi pesanti, e soprattutto agli effetti della permanenza nell'Occhio del Terrore per diecimila anni.
Il nucleo della 13° Compagnia sono i Massacratori Grigi. Simili ai Cacciatori Grigi ma differenti nelle abilità, ricoprono gli stessi ruoli in battaglia.

Per l'impossibilità di reclutare nuovi Confratelli, non ci sono Artigli del Lupo nella 13° Compagnia. Ogni Artiglio Lupo ha da lungo tempo raggiunto stadi più avanzati della propria evoluzione. Gli assaltatori della Copagnia sono gli Artigli della Tempesta. Hanno la stessa esperienza, ma ancora sono più aggressivi ed incontrollati dei Massacratori Grigi.

La chiave dei movimenti nel Warp della Compagnia sono i Sacerdoti delle Rune. Poiché l'Occhio del Terrore ha sbloccato in molte reclute innate capacità psioniche, La Compagnia non ha penuria di questi individui altamente dotati.

I Wulfen sono la più drastica trasformazione di un Lupo Siderale. Gli Space Marines che mutano in Wulfen assumono le sembianze dei lupi mannari allo stesso modo in cui gli Angeli Sanguinari soffrono della Sete Rossa come i vampiri. Ogni marine che muta in Wulfen diviene una creatura metà uomo e metà lupo con una mente ferina. La mutazione normalmente si manifesta nello stadio iniziale e i Lupi Siderali devono dedicare molto tempo nell' addestramento per permettergli di controllare ciò che li trasforma in Wulfen.
Mentre i normali Lupi Siderali talvolta usano qualche singolo Wulfen in battaglia, la 13° Compagnia ne usa interi branchi. Ogni membro della 13° Compagnia porta su di se la Maledizione, che manifesta se stessa nei Lupi Siderali in modi differenti. Pertanto, anche i branchi di Wulfen non rimangono gli stessi.

Aspetto
Prima dell'Eresia di Horus, la Legione dei Lupi Siderali aveva le armature potenziate dipinte di grigio, con un lupo ringhiante rosso come emblema della Legione.
Nel 41° millennio, l'armatura potenziata dei Lupi Siderali è grigio-azzurra, con altri colori come bordature, i più usati sono il giallo ed il rosso. L'armatura spesso è adornata con parti prese dai lupi, come pelli, code e zanne. I simboli delle Grandi Compagnie variano, ma sono presi dalla tradizione mitologica di Fenris e sono sempre riferiti al Lupo.

Nessun commento: